Termina invece l’obbligo di esibire in Green Pass

Il ministro della Salute Roberto Speranza pochi giorni fa ha firmato l’ordinanza che regola l’uso della mascherina e del Green Pass a partire dal 1 maggio. Mentre la certificazione verde non sarà più necessaria, se non nelle strutture sanitarie, per quanto riguarda la mascherina il discorso è un po’ più complicato. Infatti, fino al 15 giugno, sarà ancora obbligatoria in alcuni luoghi al chiuso.

In particolare, sarà ancora richiesta la mascherina sui trasporti a lunga percorrenza, come aerei, treni, navi e traghetti, ma anche sui mezzi di trasporto locali. L’Ffp2 servirà anche al cinema, nei teatri, nella sale da concerto e per assistere alle manifestazioni sportive al chiuso. Non ci sarà più l’obbligo nei bar e nei ristoranti, nei negozi, nei supermercati, nei parrucchieri, nei barbieri e nei centri estetici. Anche se in questi luoghi il suo utilizzo è fortemente raccomandato.

Nessun obbligo anche per quanto riguarda a indossare la mascherina sul posto di lavoro, eccetto che per gli operatori sanitari. Tuttavia, l’obbligo rimane invece in tutte le scuole fino alla fine dell’anno scolastico, come stabilito dal decreto del governo attualmente in vigore. Saranno esentati i bambine e bambini con meno di sei anni, le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina (e quelle che altrimenti non riuscirebbero a comunicare con loro) e chi sta svolgendo attività sportiva. Infine non bisognerà più compilare il Passenger Locator Form, il modulo che attualmente serve per effettuare viaggi fuori dall’Italia e per rientrare nel nostro Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui