Il presidente della Regione Toscana Giani: “I dati sono confortanti, se proseguiamo così possiamo chiedere di tornare in zona arancione. I numeri sono addirittura da zona gialla, possiamo tornarci prima di Natale”

“Dati confortanti”. Così Eugenio Giani, questa sera in diretta Facebook, ha commentato gli ultimi dati relativi al contagio da Coronavirus in Toscana. Il presidente della Regione ha annunciato che “se proseguiamo in questo modo, nei prossimi giorni possiamo chiedere di tornare in zona arancione. Venerdì sono 14 giorni che la Toscana è zona rossa, con questi numeri possiamo pensare di tornare arancioni. Dico di più: i numeri attuali sono da zona gialla, possiamo sperare di tornarci prima di Natale”.

“Tante persone – ha aggiunto Giani – mi dicono di usare prudenza e cautela, di rimanere in zona rossa, ma dobbiamo pensare non solo a coloro che hanno lo stipendio fisso, ma anche a tutte le attività e i lavoratori autonomi. Tornare in zona arancione darebbe una boccata d’ossigeno”.

“Nessuno ha tolto le guardie mediche la notte – ha spiegato poi Giani – Avevamo fatto un programma per dare sostegno agli ospedali utilizzando eventualmente questi medici, avevamo comunque previsto che nessuno avrebbe toccato le guardie mediche della Toscana diffusa, quindi dei paesi più disagiati. Abbiamo assicurato che non solo nei luoghi oggettivamente più disagiati non sarà tolta la guardia medica, ma visto anche l’andamento della pandemia non applicheremo alcun programma. QUesto argomento è agitato in maniera strumentale”.

“Anche se rimarremo in zona rossa – ha concluso Giani – ho mandato una bozza di ordinanza che prevede qualche misure restrittiva in meno. Naturalmente attendo la risposta del governo”.

Giani ha poi parlato della manovra di bilancio di cui si è dibattuto oggi in consiglio regionale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui