Su Gazzetta di Siena il diario di una famiglia in quarantena per Covid

il regalo di Vittoria e di sua mamma Ilaria

Mi sono svegliato presto con una sola idea: controllare il sito della regione per verificare l’esito dei tamponi fatti ieri. Grazie a Dio, io e i bimbi siamo risultati negativi: sospiro di sollievo, di mia moglie e mio, anche per le persone che, nei giorni scorsi, erano entrati in contatto con Franci. E’ il più grande e l’unico dei 3 a frequentare la scuola. Così abbiamo scritto un messaggio WhatsApp sulla chat di classe: la buona notizia è giunta anche ad altri genitori come noi. Bene così.

A proposito di classe: Vittoria 7 anni e tanti capelli biondi, compagna di Franci, ci ha regalato un sorriso. Con l’aiuto di sua mamma Ilaria ci ha consegnato, questo pomeriggio, un vassoio di dolci. Rigorosamente lasciati dietro la porta con un messaggio che ci ha commosso: “buon weekend ci vediamo prestissimo state bene”. A seguire 3 cuoricini che non so se mia moglie ha gradito davvero: sono i primi che, il suo primo genito, riceve da una donna che non sia lei!

I gesti carini non sono finiti qui. Ho scoperto che il mio amico artista Biagio Bertolini ha dedicato una sua opera alla piccola Caterina. Si chiama “punti di vista” e raffigura quelle che per noi sono state due bellissime ali: massimo simbolo di libertà in un momento in cui, da queste parti, scarseggia!

Chiusura per gli ultimi acquisti: una stampante che, spero, ci sarà consegnata domani. E’ la prima volta che compro qualcosa a “totali occhi chiusi”. Ho chiesto al mio amico Marco un genio dell’informatica nonché una persona a me particolarmente cara. Mi ha indicato marca, modello e negozio da cui fornirmi: il resto lo ha fatto la carta di credito.

Infine, le capsule del caffè: l’adorabile signora Marisa ci ha promesso una consegna a domicilio. Senza Marisa, considerata la passione di mia moglie per l’espresso, avrei rischiato di minare l’equilibrio di coppia e in questa situazione, vi assicuro, non sarebbe stato auspicabile. Grazie anche a lei.

Quarantena a Siena giorno 3. A domani.

Giornalista ed operatore della comunicazione nel pubblico impiego. Vive a Siena città che vede crescere i suoi figli. Adora il calcio anche se lo pratica più con la penna che con la palla.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui