Il Presidente Luca Giusti: “Il saper fare dei nostri artigiani è espressione di cultura e deve essere condiviso e fatto conoscere”

Confartigianato Toscana, in occasione della manifestazione Emporio Letterario, un festival culturale organizzato dall’associazione Caffeina che si svolge a Pienza dall’11 al 13 giugno, lancia un ciclo di dirette social dedicate alle eccellenze e ai temi di attualità che coinvolgono le imprese artigiane. Saranno intervistati da Tommaso Caldarelli imprenditori artigiani della rete di Confartigianato con lo scopo di avvicinare il pubblico che segue le manifestazioni culturali al mondo delle imprese artigiane. Gli eventi saranno visibili sui canali Facebook di Emporio Letterario e Caffeina e condivisi sui social della rete di Confartigianato Toscana. Questo il programma delle dirette:

Venerdì 11 giugno alle 15 sarà trasmessa la prima diretta “Economia circolare e moda” con Marina Semprini, coordinatrice Confartigianato Imprese Scandicci, esperta di economia circolare.

Sabato 12 giugno alle ore 11 il tema sarà “Infrastrutture e sistemi produttivi”, con Michela Fucile vicepresidente di Confartigianato Imprese Toscana e presidente di Confartigianato Lucca.

Domenica 13 giugno alle ore 11 la diretta con Luca Parrini su “Artigianato artistico espressione delle identità culturali dei territori ed del Made in Italy”. Luca Parrini è presidente nazionale degli orafi di Confartigianato Imprese e presidente della federazione toscana dell’artigianato artistico di Confartigianato.

Per il presidente di Confartigianato Imprese Toscana Luca Giusti: “E’ importante avvicinare manifestazioni culturali come Emporio Letterario alle imprese. L’artigianato esprime non solo il saper fare tecnico ma anche un patrimonio di valori culturali e conoscenze che sono il fondamento del Made in Italy. Come avviene per i libri anche i prodotti e servizi delle imprese artigiane sono il risultato di un processo creativo che coinvolge le conoscenze, le capacità, l’immaginazione, la fantasia dell’uomo e che vengono realizzati per gli altri. Il saper fare dei nostri artigiani è espressione di cultura e deve essere condiviso e fatto conoscere ad ogni tipo di pubblico “.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui