Dopo gli ottimi risultati delle recenti elezioni politiche, il secondo partito in città punta a crescere

Se buona parte della Toscana, dopo le recenti elezioni politiche, si è svegliata a destra, Colle val d’Elsa è rimasto all’interno di quel terzo di Comuni fedeli al centrosinistra.

Come mai allora tanto entusiasmo da parte di militanti di centrodestra, come quelli di FDI?

Il dato del partito di Giorgia Meloni è sicuramente molto importante: il 22% che lo posiziona al secondo posto in città dopo il PD. Però il dato che non è passato inosservato, è l’assottigliamento della distanza tra i due poli.

Infatti tra centrodestra e centrosinistra la differenza è stata di circa un punto e mezzo, e questa è una situazione veramente inedita dal dopoguerra per i colligiani, in quanto si tratta di un quasi pareggio.

Ad oggi a Colle è presente un circolo tricolore, guidato da Guido Coppola, il quale si è adoperato molto per le elezioni.

Ma nei prossimi giorni potrebbe arrivare una novità: sarebbe infatti in arrivo la trasformazione del circolo in sezione di Fratelli d’Italia, una vera sede di partito con tanto di segretario, direttivo e militanti.

“Noi ci saremo e vogliamo essere protagonisti – spiega Fabio Strianese, tra i fondatori del circolo – anche perchè la nostra prospettiva è quella di guardare alle prossime comunali. Vogliamo vincere a Colle e mandare il PD all’opposizione, e per questo obbiettivo siamo disposti a metterci in gioco”.

La nascita della sezione viene anche per premiare l’ottimo risultato di Francesco Michelotti, il quale per un pelo non è approdato in Parlamento, ma che è “il punto di riferimento al quale guarda l’intera Valdelsa”.

Insomma, il quadro del prossimo futuro inizia a delinearsi, con molti cambiamenti rispetto al passato. E siamo certi che i movimenti non sono destinati a fermarsi.

.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui