L’assessore Bianchi spiega come si sta cercando di venire incontro ai cittadini colligiani e ai parrocchiani

Dopo la levata di scudi da parte dei residenti, soprattutto della zona di Selvamaggio, la giunta Donati si è attivata cercando di venire incontro ai cittadini di Colle.

A spiegare la bontà delle intenzioni dell’amministrazione, l’assessore alla cultura Cristiano Bianchi: “dietro la decisione di non mettere il parco fluviale a pagamento ci sono molte ragioni, in primis il fatto che da quest’anno ci passa la Francigena“.

Infatti le vecchie vie dei pellegrini non possono essere messe a pagamento, pena essere richiamati dall’associazione europea. E per Colle, avere questo antico camminamento che lambisce gli abitati storici, è una preziosa fonte di turismo, che già quest’anno ha iniziato a portare frutto.

“Grazie alla creazione del parco negli ultimi anni siamo tornati, dopo i decenni in cui il fiume era quasi una discarica, alle atmosfere del quadro del Salvetti (La Nicchia , Estate sulle rive dell’Elsa, 1894) esposto al nostro Museo San Pietro – continua l’assessore Bianchi – per questo abbiamo investito tanto sul fiume, e dobbiamo impegnarci sempre di più nella manutenzione e nello sviluppo di questo dono di bellezza naturale”

Rimane infatti la questione del degrado e di una affluenza massiccia in alcune giornate in quest’area, dove nasce l’Elsa, zona fragile e ancora incontaminata. Per poter in qualche modo “intervenire”, anche in termini economici in termini di manutenzione e monitoraggio, non sono rimasti che i proventi da parcheggi.

Una questione che ha una sua ratio, che però è rimasta indigesta a chi vuole frequentare la parrocchia, e la Santa Messa, ma anche chi si avvicina al vicino campo sportivo. Una questione aperta, che vedeva i cittadini colligiani parificati ai turisti.

Ma ecco che qualcosa si è mosso: “questa prima fase sperimentale serviva anche a recepire le osservazioni dei cittadini – ha spiegato Bianchi – ai residenti e alle attività produttive sarà consentita la sosta senza ticket nelle aree a pagamento dal 1 aprile al 31 ottobre: gli interessati potranno richiedere le autorizzazioni presso la Polizia Municipale”.

Nessun intento di andare contro la parrocchia di San Marziale, piccolo baluardo del patrono di Colle “stiamo anche pensando ad un settaggio dei parcometri tale che durante gli orari della Messa, che saranno segnalati, non sarà richiesto di pagare il parcheggio”.

Simili iniziative per gli sportivi, e a breve saranno comunicate dall’amministrazione.Coll

Insomma la giunta Donati, per bocca dell’assessore Bianchi, non è rimasta indifferente alle lamentele e si è attivata, facendo anche un mezzo passo indietro, sempre nell’interesse della comunità. Una mossa che è segno sicuramente di intelligenza e di vicinanza alla cittadinanza. La parrocchia, e i colligiani residenti, possono tirare un respiro di sollievo.

Un etrusco con gli occhi puntati sulla Valdelsa. Aperto a tutto quanto si muove nelle città e nei paesi a nord di Siena, per raccontare la vitalità di terre antiche e orgogliose, ma anche dal cuore grande

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui