A ottobre lo sforzo di RiColleghiamo, con “a spasso sulla Francigena: alle Volte nel Medioevo”

L’associazione RiColleghiamo è pronta ad attivare un viaggio indietro nel tempo, per ritornare all’anno 1258 e riportare Colle ai tempi in cui era una delle più promettenti città della Toscana.

Un vero tuffo nel medioevo, per ricreare spaccati di vita quotidiana della comunità valdelsana del XIII secolo.

“Vi racconteremo cosa mangiavano e come si curavano le genti vissute nel 1200 – spiegano dall’associazione – vi illustreremo come si vestivano, lavoravano, giocavano e combattevano i nostri antenati medievali, attraverso i personaggi, le vesti, le arti, le armi ed i mestieri che hanno caratterizzato quell’epoca ed il nostro territorio”.

Un modo per fare cultura, e per organizzare una festa medievale che vada oltre lo spirito consumistico, per promuovere la città del cristallo in un modo consapevole e fedele alle proprie radici.

Quest’anno particolare attenzione lo rivestirà la Via Francigena, la cui importanza è tornata alla ribalta da quando il Comune ha deciso di ufficializzare il nuovo tracciato all’interno del centro storico.

“Tra le bellezze del nostro territorio che abbiamo deciso di promuovere e valorizzare con le nostre attività associative, il tratto colligiano della Via Francigena è senza dubbio il luogo, fra i tanti, che più suscita in noi suggestioni ed infinite aspettative”.

Ed è per questo che “per legarlo saldamente alla città di Colle” si parla non a caso di Francigena Colligiana.

Del resto il tratto colligiano, in particolare, è uno dei più belli di questo antico percorso e tuttavia ancora tutto da scoprire.

L’idea dell’associazione è nuova ma dal sapore antico: ovvero far incontrare i viandanti ed i pellegrini del passato con quelli del presente.

Insomma, la festa “AD 1258 ….a spasso nel tempo sulla Francigena Colligiana: alle Volte nel Medioevo” giunge alla sua quinta edizione e tornerà il 1 ottobre per tutto il giorno, dalle ore 11 alle 20, con particolare animazione in Piazza del Duomo e in Via delle Volte.

Un modo per riscoprire le bellezze di Colle alta, e di portare in alto l’orgoglio colligiano.

Paolo Moschi
Un etrusco con gli occhi puntati sulla Valdelsa. Aperto a tutto quanto si muove nelle città e nei paesi a nord di Siena, per raccontare la vitalità di terre antiche e orgogliose, ma anche dal cuore grande

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui