Durante la seduta del Consiglio Comunale di oggi l’assessore ai servizi sociali ha risposto all’interrogazione urgente di Ferretti 

La temperature elevata e le problematiche per le fasce più deboli sono state oggetto di un’interrogazione urgente presentata durante la seduta del Consiglio Comunale di oggi, venerdì 21 luglio, dal consigliere del gruppo Progetto Siena Anna Ferretti, a cui ha risposto l’assessore ai servizi sociali Micaela Papi.

“Il Comune di Siena – ha detto Papi – si è attivato per quanto di competenza, dialogando in modo costante e positivo con le istituzioni del territorio per capire eventuali criticità e necessità, a cui anche l’amministrazione può contribuire a far fronte. In questo periodo di caldo eccezionale il rischio maggiore è per le fasce più deboli, anziani e coloro che sono oggetto di particolari terapie, quali ad esempio quelle con medicinali che abbassano la pressione o diuretici. A tal proposito il Progetto SI-Sienasociale, promosso dal Comune di Siena, nell’ambito delle attività dedicate agli anziani, ha da mesi attivato lo Sportello Sociale, presso la Pubblica Assistenza di Siena, in viale Mazzini. Lo sportello, tra le sue attività, raccoglie anche richieste di consegna farmaci e spesa alimentare a domicilio, risorsa preziosa in questi giorni, in cui il gran caldo mette molto alla prova i nostri anziani dal punto di vista fisico”. 

“Lo sportello è aperto al pubblico il martedì dalle 9 alle 11 in viale Mazzini, 95, ma è possibile telefonare tutti i giorni al numero 057746180 – prosegue Papi -; il centralino prenderà nota della richiesta e sarà attivata la rete dei volontari per rispondere in tempi più rapidi possibile alle richieste. Sarà attivato nei prossimi giorni, inoltre, anche un numero cellulare. Lo sportello, inoltre, sarà collegato alle procedure messe in atto da Società della Salute Senese/Zona Distretto senese, in relazione al “piano di emergenza caldo”,

“L’assessore alla sanità Giuseppe Giordano – ha concluso Papi –, nei giorni scorsi ha avviato un confronto tanto con i vertici dell’Azienda Ospedaliera senese, quanto con quelli dell’Azienda Usl Toscana Sud Est che per fronteggiare le problematiche derivanti dall’emergenza caldo hanno riservato particolare attenzione agli accorgimenti fortemente raccomandati dal Ministero della Salute. In particolare l’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese ha già da tempo riservato attenzione alle situazioni di fragilità che si presentano al Pronto Soccorso in situazioni climatiche analoghe o simili a quelle di questi giorni. Tutte le situazioni vengono gestite con massimo impegno. Le stesse vengono conseguenzialmente monitorate per le valutazioni e gli interventi che si rendano all’uopo necessari”.

Ferretti si è dichiarata “totalmente insoddisfatta della risposta, è stato di fatto riciclato lo Sportello della Pubblica Assistenza che non si doveva occupare all’origine di queste operazioni di supporto e aiuto in favore degli anziani, ad esempio per quanto riguarda la spesa o i medicinali. Sull’attivazione di un numero telefonico si stava attivando anche Auser, mentre il piano emergenza della Regione Toscana è esteso a tutto il territorio toscano ed è pacifico sia applicato anche a Siena. Ci voleva una maggiore attività da parte dell’amministrazione comunali, bravi gli uffici a preparare la risposta, ma sono insoddisfatta”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui