A luglio un nuovo concerto in Piazza del Campo. Fino a settembre oltre novanta concerti ed eventi musicali realizzati in esclusiva

Grande attesa, dopo lo straordinario successo dello scorso anno, per il concerto sinfonico del 15 luglio, alle 21.30, in Piazza del Campo, in coproduzione con il Comune di Siena e il Maggio Musicale Fiorentino. Una collaborazione fortemente voluta dall’Amministrazione senese. Sul palco open air di una delle piazze più belle d’Italia, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino sarà diretta dal M° Zubin Mehta, che con l’Accademia Chigiana, di cui fu allievo, ha un legame speciale.

L’attesissimo ritorno a Siena del M° Zubin Mehta e la collaborazione tra Chigiana, Comune di Siena e Maggio Musicale Fiorentino saranno festeggiati con l’esecuzione di un programma d’eccezione: Ouverture ed estratti da Le creature di Prometeo op.43 di L. V. Beethoven, le Variazioni su un tema rococò op. 33 di Cajkovskij, affidate al violoncello solista di Antonio Meneses, altro protagonista d’eccezione della serata e la Sinfonia n.4 in fa minore op. 36 di P.I. Cajkovskij.

È intitolato invece “From Silence” I’VIII Chigiana International Festival Summer Academy, che si svolgerà dal 5 luglio al 2 settembre in collaborazione con Comune di Siena. Oltre 90 concerti ed eventi musicali realizzati in esclusiva, per dare vita a una delle più intense e imponenti edizioni di sempre, preludio al centenario delle attività musica chigiane, i cui festeggiamenti cadranno nel 2023. 90 concerti, suddivisi in 6 percorsi tematici, 13 prime esecuzioni, 31 corsi e 4 laboratori, 26 compositori viventi coinvolti nel programma, con una forte presenza di compositrici donne, 2 produzioni d’opera e grandi concerti sinfonici. Un festival, dove alta formazione artistica, produzione e grande spettacolo si intrecciano in un unico progetto, unito indissolubilmente al programma della 91″ edizione dei Corsi estivi dell’Accademia Chigiana.

“Con From Silence la Chigiana realizza l’edizione più ampia di sempre del suo Festival estivo – dichiara il Direttore artistico Nicola Sani -. Grande tradizione musicale e innovazione sono i due temi portanti di una programmazione che spazia dalla musica antica al grande repertorio classico e dalle nuove sonorità della ricerca tecnologica e intermediale, al jazz e alle elaborazioni della popular music. Il Chigiana International Festival si conferma come il primo in Italia a coniugare l’alta formazione in ambito musicale, sia dal punto di vista della prassi esecutiva che della composizione e della direzione d’orchestra, con la produzione di spettacolo al più alto livello. Un Festival concepito come laboratorio di formazione/produzione/spettacolo, che ha considerevolmente rafforzato il rapporto concorsi di alto perfezionamento, E un’ottica di reciproca valorizzazione, massimizzandone la coerenza della programmazione e potenziandone le sinergie”.

Il pavoff “From Silence” (“Dal silenzio”) è il tema centrale del Chigiana International Festival & Summer Academy 2022, che vuole sottolineare il percorso di ciascuno di noi verso un nuovo modo di ascoltare, la ricerca di spazi nuovi per entrare in rapporto con l’evento sonoro, dopo un periodo difficile, caratterizzato dal susseguirsi di lunghi lockdown, in cui tanta parte della musica e dello spettacolo dal vivo sono stati avvolti dal silenzio e dall’impossibilità di produrre.

Negli innumerevoli percorsi e nelle interconnessioni musicali del festival chigiano, è protagonista la metafora del rapporto tra il suono e il silenzio, in una nuova consapevolezza dell’importanza dell’uscita progressiva dalla condizione di privazione dell’ascolto collettivo. Questa volta, però, in un rapporto fecondo e via via inaspettato, inedito e inaudito con la musica e con l’arte. Il fil rouge del festival si ritrova nei titoli di molte serate e di molti brani in cartellone. Dalle antiche polifonie di Gesualdo a The sound of silence nella rilettura di Philip Glass.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui