La storia dell’allenatore a cui dovrebbe essere affidata la panchina della nuova Robur

Come riportato questa mattina da La Nazione, Lamberto Magrini dovrebbe essere il nuovo allenatore della Robur .Il presidente Giacomini, dunque, si affiderà ad un allenatore esperto e che ben conosce l’Eccellenza. La carriera da allenatore di Magrini, infatti, è partita proprio da questa categoria quando, nel 1997, il San Gimignano lo scelse per puntare alla promozione in D. Obiettivo subito raggiunto, alla prima stagione. Un anno da tecnico, un campionato vinto. Numeri fuori dal comune. Se ne accorge prima il Castelfiorentino e poi anche il Poggibonsi, che gli affida la panchina in Serie D. Scelta che si rivela azzeccata :con i leoni giallorossi lotta per la promozione e centra il quinto posto in classifica. L’ennesima grande stagione gli vale la chiamata del Grosseto, dove chiude al terzo posto. Poi Matera e ancora Grosseto. La seconda esperienza sulla panchina dei maremmani non va benissimo, mentre la terza è più fortunata: a tre giornate dalla fine del campionato è primo in classifica in C2, ma, nonostante la prima posizione, viene comunque esonerato.

Dopo il nuovo esonero allena Cagliese e Fano prima di trovare continuità sulla panchina del Gavorrano. Con i maremmani cinque stagioni ricche di successi culminate con la prima promozione del club in C2. Viene confermato anche in Lega Pro, ma, dopo metà stagione, viene esonerato e sostituito da Pagliuca, allenatore della Robur nello scorso campionato. A caccia di una nuova ripartenza torna a Grosseto, questa volta in B, ma resta in panchina meno di un mese. Dopo passa a Bastia, Recanatese e Massese fino al ritorno, l’ennesimo, in Maremma. Questa esperienza è decisamente la migliore: in due stagioni trova il doppio salto dall’Eccellenza alla Serie C. Due promozioni consecutive, dai dilettanti ai professionisti. Decide di restare in Lega Pro e approda al San Donato Tavarnelle dove, però, dura solo solo 13 giornate. Adesso è pronto a ripartire da Siena. L’obiettivo è quello di replicare la cavalcata fatta ai tempi del Grosseto e riportare, quanto prima, la Robur tra i professionisti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui