Tau e Pianese lottano in area di rigore (foto di ASD Tau Altopascio)

Le Zebrette concludono in testa il girone d’andata. Palo dell’altopascino Noccioli sul finale

TAU ALTOPASCIO – PIANESE 0-0

Tau Altopascio: Di Biagio, Zini, Bernardini, Alessio, Malva, Capparella, Piccini, Antoni, Lombardo, Andolfi, Biagioni. A disp. Di Cicco, Quilici, Odianose, Manetti, Meucci, Noccioli, Bruno, Di Fatta, Vellutini. All. Simone Venturi
Pianese: De Fazio, Morgantini, Gagliardi, Proietto, Polidori, Boccadamo, Remy, Simeoni, Mignani, Ledonne, Kouko. A disp. Borghini, Lo Porto, Tognetti, Miccoli, Mastropietro, Liso, Papini, Di Martino, Alagia. All. Fabio Prosperi
Arbitro: Carlo Virgilio di Agrigento (Rallo – Cucci)

Con qualche giorno di anticipo, la Pianese è campione d’inverno. Fatale, per fregiarsi di questo titolo virtuale, tanto il pareggio ad Altopascio quanto il medesimo risultato delle inseguitrici Seravezza Pozzi e Follonica Gavorrano, entrambe in casa rispettivamente contro Real Fort Querceta e Ghiviborgo. Così facendo, gli amiatini bissano la prima posizione di fine 2022: il “Sorridi Pianese, sei campione d’inverno” dello scorso anno, quando di questi tempi le Zebrette ottenevano questo stesso merito, non fu certo di buon auspicio, visto il sorpasso – da lì a poco – dell’Arezzo nella sua cavalcata trionfale verso la Serie C. Il “Brava” odierno è sicuramente più giusto, più meritevole, più onesto: un mettere le mani avanti per onorare il risultato del prossimo maggio, qualsiasi cosa accada. Andrà come andrà.

In campo, stavolta, non si è visto di certo una Pianese spumeggiante: quella, per capirsi, ammirata domenica scorsa e nel 90% delle partite degli ultimi anni. Il Tau aveva perso solo col Seravezza (in casa) e il Follonica Gavorrano (fuori), e del suo campo di casa ha fatto il suo fortino, come nella stragrande maggioranza dei casi della piramide calcistica. La partita è stata combattuta soprattutto a centrocampo, dove entrambe le squadre se la sono data di santa ragione; le occasioni, al contrario, sono state piuttosto poche e caratterizzate da qualche tiraccio dalla lunga distanza. L’Altopascio, per poco, ha rischiato di rovinare la festa agli amiatini sul finale, quando Noccioli ha centrato il palo al termine di una mischia furibonda nell’area di rigore. Così non è stato, e la Pianese è diventata campione d’inverno. Come l’anno scorso. Sperando in un epilogo diverso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui