Un evento scientifico presieduto dal professore delle Scotte Bruno Frediani

Una tre giorni, divisa tra teoria e pratica, sulle procedure bioptiche utili nella diagnosi istopatologica delle malattie reumatologiche. È “Biop-Siena”, evento organizzato dalla segreteria scientifica composta da professionisti dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese, presieduta dal professor Bruno Frediani, direttore del Dipartimento di Scienze Mediche e della Reumatologia, con responsabili scientifici il dottor Renato De Stefano della Reumatologia, il professor Pietro Rubegni, direttore della Dermatologia, e componenti della segreteria il dottor Marco Bardelli e il dottor Stefano Gentileschi della Reumatologia.

“Nell’ambito delle indagini diagnostiche utili nella definizione delle malattie reumatologiche – spiega il professor Bruno Frediani -, riveste un ruolo essenziale l’esame istologico di campioni bioptici prelevati da vari organi e tessuti, coinvolti nel corso di tali malattie sistemiche. Alcune di queste procedure bioptiche sono minimamente invasive e possono essere eseguite dagli stessi specialisti reumatologi dopo adeguata formazione”. L’evento si divide in una parte teorica-congressuale, che si terrà il 14 e il 15 giugno nell’aula 6 del centro didattico dell’Aou Senese, e in una parte pratica realizzata grazie al contributo della Società Italiana di Reumatologia, che si terrà il 15 e il 16 giugno al lotto 3, piano -1.

“La gestione diretta da parte del reumatologo delle procedure bioptiche – aggiunge il professor Frediani – può incrementare la disponibilità di tale indagine diagnostica rendendola tempestiva e migliorandone il valore diagnostico. Questo è possibile eliminando soggetti intermediari tra l’informazione clinica reumatologica ed il lavoro del patologo ed eliminando i difetti indotti da errate modalità di prelievo e da una errata manipolazione o conservazione del prelievo bioptico stesso. Altro aspetto essenziale è chiaramente la maggiore accessibilità, da parte dei reumatologi, ai prelievi bioptici tessutali a scopo di ricerca”.

“Questo progetto pertanto – conclude il professor Bruno Frediani – si rivolge soprattutto a medici in formazione specialistica (reumatologia) e specialisti reumatologi che vogliono acquisire le capacità tecniche per attuare correttamente alcuni tra i principali prelievi bioptici (membrana sinoviale, cute e grasso peri-ombelicale, muscolo scheletrico, ghiandole salivari minori, vasi periferici) utili nella diagnosi delle malattie di interesse reumatologico”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui