L’allarme lanciato dalla Cia: “Necessari invasi diffusi in tutto il territorio, ma serve accordo con la politica”

Senza acqua l’agricoltura senese muore. E’ solo una questione di tempo. Senza una concreta e precisa progettualità che porti alla creazione in tutto il territorio di invasi idrici, fra qualche anno, continuare a produrre le eccellenze agricole ed agroalimentari di questa provincia, non sarà più possibile.

L’allarme della Cia Agricoltori Italiani di Siena non è nuovo, ma adesso non c’è più tempo da perdere.

La Cia Siena ha così deciso di occuparsi in prima persona di questa emergenza che riguarda tutti gli agricoltori senesi: “Intanto abbiamo fatto un incontro con i Consorzi di Bonifica – spiega il presidente Cia Siena, Valentino Berni -, a breve una iniziativa con il presidente della Provincia di Siena e con tutti i sindaci. Non c’è tempo da perdere anche perché le risorse disponibili, all’interno del PNRR (Piano nazionale ripresa resilienza) adesso ci sono e vanno convogliate verso un progetto reale e supportato dalla volontà politiche delle amministrazioni locali”.  

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui