La scelta di una babysitter è un momento molto importante per la famiglia perché riguarda la scelta di una persona che entrerà a far parte della nostra quotidianità a tutti gli effetti. Ecco gli aspetti da considerare quando si fa questa scelta.

Il bambino impara dai modelli a cui è esposto

Il primo aspetto che dobbiamo considerare nel momento in cui scegliamo di affidare parte dell’educazione di nostro figlio ad una persona esterna è che questa persona inevitabilmente diventerà un nuovo modello educativo. Infatti la scienza dell’educazione ci dice che i modelli a cui i bambini sono più esposti tendono ad essere quelli a cui fanno più riferimento. Il contesto sociale quindi diventa cruciale includendo inevitabilmente anche la tata. Per questo motivo la Tata non può essere una persona carente dal punto di vista dell’esperienza e della formazione perché parte del suo lavoro sarà di istruire e arricchire il comportamento del bambino. Ecco quindi le competenze principali che deve avere.

Competenze comunicative

Quando parliamo di competenze comunicative non ci riferiamo soltanto al saper parlare in altre lingue o al sapersi esprimere correttamente nella lingua madre del bambino. Infatti fa parte del mondo comunicativo anche tutto l’universo legato ai modi di dire, alle parole che si usano per sollecitare vietare o rimproverare. La babysitter dovrebbe sapere scegliere qual è il giusto tono con cui rivolgersi al bambino, non gli si richiede di essere quindi sempre severa ma nemmeno di avere un atteggiamento troppo permissivo. Le linee guida da seguire in questi casi vanno definite da principio con i genitori.

Competenze di primo soccorso e norme igieniche

Una delle prime cose che andrebbero chieste ad una Tata durante un colloquio sicuramente è questa: sono stati fatti corsi di disostruzione pediatrica e primo soccorso? Potrebbe sembrare una richiesta eccessiva ma invece non lo è soprattutto se si considera la continua tendenza dei bambini nel voler toccare tutto e esplorare gli oggetti con la bocca. Un corso di poche ore è una sicurezza a cui non si può fare a meno perché non si può mai sapere quando potrebbe servire. Se abbiamo trovato la babysitter ideale possiamo anche valutare di proporle noi la frequenza di un corso è investire nella sicurezza della famiglia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui