Arçelik, siglato l’accordo definitivo con Whirlpool, è nata ufficialmente Beko Europe, a Siena ancora cassa integrazione

Si completa oggi con successo l’Accordo di Contribuzione definitivo tra la filiale interamente controllata da Arçelik, Beko BV, e la filiale interamente controllata da Whirlpool Corporation, Whirlpool EMEA Holdings LLC, che porta alla creazione di Beko Europe.

La conclusione completa anche l’accordo definitivo per l’acquisizione da parte di Arçelik della piena proprietà delle operazioni di Whirlpool nel Medio Oriente e Nord Africa (MENA) in una transazione separata.

In base ai volumi di produzione del 2023, la quota combinata del business degli elettrodomestici principali di Whirlpool in Europa e degli elettrodomestici principali, dell’elettronica di consumo, della climatizzazione e degli elettrodomestici di piccole dimensioni di Arçelik, ovvero quella che da oggi sarà Beko Europe, è la più grande in Europa. Beko Europe impiegherà più di 20.000 dipendenti con una capacità produttiva di circa 24 milioni di elettrodomestici l’anno, fabbricati in 11 siti produttivi.

Il 75% della nuova società è di proprietà di Beko B.V e il restante 25% di Whirlpool Corporation.

A livello globale, Arçelik espanderà le sue operazioni in 57 mercati con circa 55.000 dipendenti. Il fatturato combinato di Arçelik raggiunge circa 11 miliardi di EUR basato sui risultati del 2023. La capacità produttiva annuale dell’azienda aumenterà significativamente con il numero totale di stabilimenti produttivi che raggiunge 45.

Commentando la chiusura delle transazioni, Hakan Bulgurlu, CEO di Arçelik, ha dichiarato. “Abbiamo fissato obiettivi chiari per far crescere la nostra attività. E per trasformare la nostra industria negli ultimi dieci anni, fornendo al contempo valore per i nostri consumatori, i nostri clienti, i nostri dipendenti e i nostri azionisti. La nostra crescita è stata alimentata da acquisizioni ponderate e joint venture innovative con aziende leader come Singer in Bangladesh e Hitachi in Asia. La creazione di Beko Europe e l’acquisizione degli asset MENA di Whirlpool segnano un’altra pietra miliare fondamentale nel percorso di Arçelik. Il nostro decimo anno di crescita continua. Come uno dei leader globali, con posizioni solide nei mercati maturi e in forte crescita, oggi rafforziamo la nostra capacità di essere una forza di progresso e cambiamento, al servizio del pianeta e delle persone.”

Inoltre, Marc Bitzer, Presidente e CEO di Whirlpool Corporation, ha dichiarato. “Siamo lieti di raggiungere questo momento significativo nel completare la nostra transazione con Arçelik per formare Beko Europe. Questa pietra miliare inizia un nuovo entusiasmante capitolo nel creare maggiore valore per i consumatori europei attraverso marchi attraenti, produzione sostenibile, innovazione dei prodotti e servizi ai consumatori. Non vediamo l’ora di cogliere le notevoli opportunità che Beko Europe renderà disponibili ai consumatori nel costante perseguimento di migliorare la vita in casa.”

Il CEO di Beko Europe Ragıp Balcıoğlu ha commentato: “Oggi è il primo giorno nel percorso di Beko Europe per stabilire uno stile di vita sostenibile in ogni casa in Europa. Combinando le nostre rispettive presenze sul territorio raggiungiamo un’ampia portata. Ora dobbiamo lavorare instancabilmente per garantire che questo soddisfi le esigenze dei nostri clienti e consumatori. Saremo un partner responsabile per l’industria e i consumatori. Lo faremo avvalendosi attivamente della nostra posizione di leader di mercato per innalzare gli standard, raggiungere l’efficienza e guidare l’innovazione nella ricerca di un futuro migliore. Capendo i bisogni in evoluzione dei nostri clienti e consumatori, miriamo a spingere l’industria europea degli elettrodomestici domestici verso un orizzonte più luminoso, competitivo ed ecologico. I nostri team eccezionali e altamente complementari saranno fondamentali per realizzare questa ambizione.”

Arçelik

Arçelik impiega 55.000 dipendenti in tutto il mondo con le sue operazioni globali attraverso le sue filiali in 57 paesi e 45 stabilimenti produttivi in 13 paesi (ossia Turchia, Regno Unito, Italia, Romania, Slovacchia, Polonia, Sudafrica, Russia, Pakistan, India, Bangladesh, Thailandia e Cina). Possiede o utilizza con licenza limitata 22 marchi (Arçelik, Beko, Whirlpool, Grundig, Hotpoint, Arctic, Ariston, Leisure, Indesit, Blomberg, Defy, Dawlance, Hitachi, Voltas Beko, Singer, ElektraBregenz, Flavel, Bauknecht, Privileg, Altus, Ignis, Polar).

E’ diventata la più grande azienda di elettrodomestici in Europa per quota di mercato (basata sui volumi). Ha raggiunto un fatturato consolidato di 8 miliardi di euro nel 2023. I 31 centri R&D e di design di Arçelik in tutto il mondo ospitano oltre 2.300 ricercatori e detengono più di 3.500 domande di brevetto internazionali registrate fino ad oggi.Per il quinto anno consecutivo, è stato ottenuto il punteggio più alto nell’industria dei DHP Household Durables (basato sui risultati del 27 ottobre 2023) nell’indice di sostenibilità Dow Jones dell’S&P Global Corporate Sustainability Assessment. La visione di Arçelik è “Rispettare il mondo, essere rispettati in tutto il mondo”.

Beko Europe

Beko Europe è un’azienda leader nel settore degli elettrodomestici, E’ impegnata a cambiare la vita dei suoi clienti attraverso una vasta gamma di prodotti. E con soluzioni per la casa innovativi e sostenibili. Il 75% delle azioni della neonata Beko Europe è di proprietà di Beko B.V e il 25% di Whirlpool Corporation. Con oltre 20.000 dipendenti, Beko Europe ha 11 siti produttivi in Europa. Sono situati a Cassinetta, Melano, Comunanza e Siena in Italia. Wroclaw, Radomsko e Lodz in Polonia. Poprad in Slovacchia, Yate nel Regno Unito, e Ulmi e Gaesti in Romania. La capacità produttiva è di circa 24 milioni di prodotti per elettrodomestici bianchi all’anno.

La situazione a Siena: ancora cig

Per i 300 lavoratori dello stabilimento senese la speranza è che il periodo di insicurezza che ha contraddistinto gli ultimi anni sia passato. Sarà necessario però pazientare ancora. Per i dipendenti proseguirà la cassa integrazione. La proprietà ha necessità di studiare a fondo i flussi di produzione prima di prendere qualsiasi decisione. Tutto sotto il controllo attento delle rappresentanze sindacali. Altra criticità da affrontare è quella del prodotto. A Siena si realizzano congelatori, così come negli stabilimenti in Romania, dove però il costo del lavoro è molto più basso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui