Una cerimonia a Vicobello per ricordare Pietro Cristofani, Giorgio Domenichini e Umberto Grassini, membri della Guardia Civica morti nel rispondere le retroguardie tedesche nel giorno della liberazione della città, il 3 luglio 1944

Era il 3 luglio 1944: Sunto segnava con i suoi rintocchi la liberazione della città, mentre i senesi accorrevano in Piazza del Campo con le bandiere delle contrade per dare il benvenuto alle truppe francesi che stavano entrando da Sud. Intanto, alcuni uomini della Guardia civica cittadina erano impegnati a respingere le retroguardie tedesche che fuggivano verso Nord. Fu proprio in quest’occasione che tre giovani senesi, Pietro Cristofani, Giorgio Domenichini e Umberto Grassini persero la vita; in loro memoria, oggi Anpi organizza una semplice cerimonia a Vicobello, dove una lapide ricorda il tragico fatto. 

Il ritrovo è fissato alle 17,30 in Piazza della Costituzione a San Miniato. Da lì, con una breve passeggiata, verrà raggiunta la lapide all’esterno della villa di Vicobello, dove si terrà una breve commemorazione, nel pieno rispetto delle norme per il contenimento del Covid 19. La manifestazione sarà accompagnata dai racconti della Liberazione di Francesco Burroni, Silvia Priscilla Bruni e Margherita Fusi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui