Intervista alla candidata a sindaco della lista civica di centrodestra, in corsa per il capoluogo della Valdelsa

Dopo la “conquista” di Siena, il centrodestra prova l’assalto della roccaforte di Poggibonsi, che esce dai due mandati del Sindaco David Bussagli.

Poggibonsi non è una semplice città, ma è la seconda città della Provincia di Siena sia per numero di abitanti che per numero di imprese, fulcro importantissimo di sviluppo per tutta la Toscana Centrale. Poggibonsi è anche la città dell’On. Francesco Michelotti, alla quale è da sempre legatissimo, e per la quale ha scelto il nome di Angela Picardi.

Angela inizia qui l’avventura per le comunali di Poggibonsi. Cosa ti ha convinto a candidarti? 

Ho accettato la candidatura a sindaco presentandomi con una lista civica sostenuta da tutto il centro destra unito, perché sono convinta che il primo cittadino debba pensare per prima cosa al bene comune, nonchè al futuro dei suoi concittadini e non all’interesse partitico.

Credo moltissimo nell’alternanza per la sua capacità di costruire e non di demolire. Solo questa rappresenta il vero motore della democrazia. 

Qual’ è la tua visione di città per i prossimi 5 anni?

La mia visione di Poggibonsi per i prossimi 5 anni e per il futuro in generale è quella di riportarla al centro della Valdelsa sotto tutti i profili: imprenditoriale, sociale, culturale e turistico. Sono settori che tutti insieme, per le enormi potenzialità che ciascuno di loro possiede, possono creare maggior benessere a tutta la collettività, nessuno escluso. Poggibonsi ha bisogno di uscire dal letargo in cui è venuta a trovarsi da decenni, ha bisogno di una nuova linfa per rinascere e per poi continuare a crescere. Tutto questo è ovviamente possibile solo ed esclusivamente con un deciso cambio di rotta. 

Quali sono le tue priorità per Poggibonsi, delle quali inizieresti ad occuparti?

Provvedere alla riorganizzazione dell’apparato amministrativo; favorire lo sviluppo dell’edilizia privata e sociale nonché delle attività artigianali, industriali e commerciali. Al riguardo dovrà essere recuperato e rivitalizzato il centro storico, completamente abbandonato dall’attuale amministrazione, per fare sì che diventi anche un punto di socializzazione per i giovani e per i non più giovani.

Ci sono nomi che vorresti valorizzare se eletta?

Non ci saranno nomi da valorizzare ma una squadra di persone dotate di professionalità, competenza e amore verso Poggibonsi.

Non serve un’inerte amministrazione ma un vero governo del fare.

Paolo Moschi
Un etrusco con gli occhi puntati sulla Valdelsa. Aperto a tutto quanto si muove nelle città e nei paesi a nord di Siena, per raccontare la vitalità di terre antiche e orgogliose, ma anche dal cuore grande

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui