La capogruppo di SiAmo Colle ha sciolto le riserve, e spiega i motivi della discesa in campo

Non sarà una sfida a due quella per la carica di sindaco della città di Colle Val d’Elsa, in queste elezioni comunali 2024.

Una campagna elettorale tosta e avvincente, che è partita prima di tutte in Valdelsa, con oltre un anno di anticipo, e che oggi porta una nuova sostanziale novità, ovvero la scelta di Angela Bargi come candidata a sindaco per Colle.

Ed è proprio lei, Angela, “l’uomo forte” del centrodestra colligiano: già assessore civico nella giunta del sindaco Paolo Canocchi dal 2014 al 2019, nelle elezioni 2019 arrivò seconda, andando al ballottaggio con l’attuale sindaco Alessandro Donati, superando con la sua lista SiAmo Colle la civica pura di Su Per Colle, quella che espugnò al centrosinistra la città nel 2014 e che nei mesi passati ha “lanciato” Piero Pii nella corsa per Palazzo Renieri.

La domanda che tutti si fanno è però un’altra: come mai così tardi la candidatura di un volto tanto conosciuto?

Evidentemente le trattative con la Coalizione Civica sono andate avanti ad oltranza. Senza però arrivare a nessuna soluzione. Pii era stato chiaro: nessun simbolo di partito. E nel centrodestra, dopo molte trattative, lo scoglio pareva superato. L’intesa sulla forma però non è mai arrivata. E questo ha giocato un ruolo, anche visti i precedenti accordi con altri partiti (Italia Viva, Azione, parte di M5S) avviati dal gruppo che sostiene l’ex sindaco di Casole.

“Ho aspettato molto perché fino all’ ultimo ho cercato di fare da trait d’union con il gruppo civico – dichiara Angela Bargi – nonostante avessi trovato una “tavola già apparecchiata”, nonostante i veti sui simboli, per i quali mi sono mossa in sede romana, ho capito dopo 8 mesi che erano graditi i nostri voti ma non le nostre idee, non i nostri valori e persone”.

Una tendenza che ha fatto sciogliere le riserve ad Angela Bargi, la quale è persona stimata e voluta dall’On. Francesco Michelotti, rappresentante di Siena e della Valdelsa al governo, per la terza città della Provincia.

“Siccome sono a Colle da 9 generazioni, da sempre attiva socialmente per la mia città, posso dire che la mia, nostra, dignità non è in vendita. Per questo con lo spirito di sempre, che chi mi conosce sa bene, iniziamo un’ avventura che vuol essere aperta a tutti, anche al mondo civico e alla società civile, per un percorso realmente inclusivo e alla portata di tutti”.

Angela quindi ci sarà, con un gruppo di centrodestra ma…non solo, in quanto aperto alle espressioni civiche.

Cambia adesso lo scenario sulle ormai imminenti elezioni colligiane. Nella certezza….che non ci sono più certezze.

Paolo Moschi
Un etrusco con gli occhi puntati sulla Valdelsa. Aperto a tutto quanto si muove nelle città e nei paesi a nord di Siena, per raccontare la vitalità di terre antiche e orgogliose, ma anche dal cuore grande

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui