De Mossi: “Una collaborazione che porterà benefici alla popolazione”

Presentato oggi il piano di riordino e sviluppo 2030 dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Senese che prevede una serie di interventi di riqualificazione strutturale e tecnologica dell’ospedale. Questi interventi comprendono la realizzazione di un nuovo edificio per ambulatori, un parcheggio di circa 400 posti auto e una nuova via di accesso utile anche a razionalizzare il percorso e gli itinerari interni alla struttura ospedaliera.

L’obiettivo principale è quello di concentrare l’attività ambulatoriale in un’unica area facilmente raggiungibile dall’esterno, migliorando così sensibilmente l’accessibilità di tali servizi da parte degli utenti. Attualmente, gli ambulatori sono infatti distribuiti nei vari lotti in modo assai dispersivo, tale da rendere difficile l’identificazione degli stessi itinerari di accesso e sono spesso privi di sale di attesa o comunque con sale di dimensioni inadeguate.

“Quando le istituzioni collaborano con tempestività e con efficienza si ottengono dei risultati – afferma il Sindaco De Mossi – cosa che a Siena abbiamo visto molte volte, come per il risarcimento alla fondazione o per l’ex palazzo delle provincia. Per la giunta e per me personalmente è apparsa un’iniziativa estremamente importante, sia per quanto riguarda la distribuzione degli ambulatori che per in fatto di dotare di un parcheggio l’area, sia per la viabilità; se a questo aggiungiamo il fatto che l’università distribuirà la didattica nella parte frontale all’emiciclo di San Miniato, abbiamo un’idea dell’efficientamento complessivo all’ospedale di Siena, cosa che porterà sicuramente un beneficio alla popolazione”.

Il piano urbanistico comunale prevede che gli interventi all’interno delle aree individuate possano svilupparsi in relazione alle necessità. Tuttavia, per la realizzazione di alcuni interventi che riguardano le aree adiacenti all’ospedale, è necessaria una specifica variante urbanistica con un nuovo quadro previsionale che consenta di allargare l’area ospedaliera verso valle, in modo da poter apporre il vincolo preordinato all’esproprio alle aree che saranno interessate dall’ampliamento dell’ospedale e non solo.

Presente anche Antonio Barretta, direttore generale dell’Aou Senese che ha voluto spendere qualche parola in favore dell’amministrazione: “Mi pare doveroso ringraziare il Sindaco e l’amministrazione comunale, in quanto questa si dimostra un’attestazione di grande vicinanza e di grande importanza data alla ristrutturazione del nostro ospedale, è quindi un momento importante per noi”.

Il Comune avvia il procedimento con un documento che illustra gli obiettivi e l’oggetto specifico della variante stessa, trasmettendolo agli enti territoriali interessati – Regione, Soprintendenza, Provincia di Siena – che devono esprimere il loro parere. Il protocollo di intesa riguardante la realizzazione degli interventi di riqualificazione strutturale e tecnologica dell’ospedale è stato approvato dalla giunta comunale e vede tra gli altri, come sottoscrittori, anche la Regione Toscana e la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Siena, Grosseto e Arezzo.

L’intervista completa a Luigi De Mossi, Michele Capitani e Antonio Barretta.

Giulio Provvedi
Sono un giovane nerd senese laureato in Scienze della comunicazione. Tra un binge watching di serie TV e l'altro mi dedico alla scrittura di articoli su politica, attualità e tutto ciò che riguarda il territorio senese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui