Contro la Fermana il Siena domina nel possesso palla ma non trova il guizzo necessario per la vittoria. Allo svantaggio firmato Urbinati ha risposto Paloschi con il suo secondo gol stagionale

Fermana – Siena 1-1
Reti: pt 26′ Urbinati, 44′ Paloschi
Fermana (4-3-1-2): Ginestra; Rossoni, Urbinati, Blondett, Sperotto; Graziano, Capece (41′ st Rodio), Mordini (18′ st Mbaye); Frediani (18′ st Bugaro); Cognigni (41′ st Corinus), Marchi (31′ st Nepi). A disp: Moschin, Bolsius, Pistolesi, Alagna, Lovaglio, Rovaglia, Pannitteri. All. Riolfo.
Siena (3-5-2): Lanni; Milesi, Terzi, Terigi; Mora, Bianchi (41′ st Cardoselli), Pezzella (37′ st Guberti), Acquadro, Disanto; Varela, Paloschi. A disp. Marocco, Caccavallo, Karlsson, Montiel, Zaccone, Marcellusi, Morosi, Peresin, Darini. All. Gilardino.
Arbitro: Zucchetti di Foligno
Note: Ammoniti Mora, Capece, Rossoni, Milesi, Terigi, Mbaye, Paloschi, Blondett; Angoli 2-11; Recupero pt 1′, st 4′.

Il Siena non trova i tre punti contro la Fermana, mancando il riscatto dopo il pareggio interno contro la Pistoiese. I bianconeri controllano la gara, chiudendo i padroni di casa nella loro metà campo, ma non riescono quasi mai a creare occasioni pericolose per la difesa gialloblu. I canarini avevano anche trovato il gol del vantaggio, con Urbinati in mischia, prima di essere raggiunti dal secondo gol in campionato di Paloschi.

Primo tempo – Gilardino sceglie di schierare per la prima volta in stagione la difesa a tre, con Disanto e Mora come esterni e Varela e Paloschi di punta. I bianconeri partono con sicurezza prendendo immediatamente in mano le redini della partita, con la Fermana tutta schiacciata nella sua metà campo. I bianconeri ci provano al 14′ con un cross di Disanto indirizzato verso Paloschi, Ginestra esce per anticipare il centravanti ma non è perfetto e il pallone termina in corner, regalando un brivido alla sua difesa. Il Siena mette in affanno i padroni di casa e tre minuti dopo ha un’altra occasione con Pezzella che conclude una buona azione corale con un bel tiro che viene deviato da un difensore dei canarini e che termina di poco a lato del palo. Proprio quando la Robur sembra in totale controllo, la Fermana passa in vantaggio: al 26′ punizione di Mordin verso l’area, sponda di Cognigni in mischia per Uribinati che tutto solo batte Lanni da due passi. Il Siena accusa il colpo, non reagisce e la gara diventa molto fallosa. La Fermana invece ci prende gusto, alzando il ritmo e mettendo alcuni cross insidiosi nell’area bianconera, ma senza successo. Ma anche in questo caso, nel momento migliore dei gialloblù, è la Robur a trovare il gol del pareggio: al 44′ gran palla di Disanto sulla corsa per Varela, l’uruguaiano mette bene in mezzo per Paloschi che nell’area piccola non sbaglia e fa 1-1.

Secondo tempo – La Robur riguadagna subito la superiorità territoriale e al 2′ è pericolosa con un tiro di Mora molto potente ma poco preciso. La partita non è esaltante, è molto spezzettata e priva di occasioni, con la Fermana che si affida alle ripartenze e il Siena che non riesce a pungere come vorrebbe. Al 22′ i bianconeri si fanno rivedere con un’azione insistita che culmina con una botta da fuori di Acquadro che però finisce lontano dalla porta. Tre minuti dopo Blondett sbaglia in disimpegno e regala il pallone a Paloschi, l’ex Milan calcia bene da fuori area ma la sua conclusione viene deviata in calcio d’angolo. Al 27′ grande lancio di Pezzella per Varela, un difensore della Fermana sarebbe in anticipo ma appoggia male all’indietro per Ginestra, favorendo l’uruguaiano che però non riesce a superare il portiere gialloblu. La Robur alza i giri del motore ed ancora pericolosa con Pezzella dai venti metri, ma Ginestra risponde ancora presente. Al 37′ Gilardino effettua il suo primo cambio della partita, inserendo Guberti per Pezzella.

Sono nato a Melito di Porto Salvo (RC) e mi sono diplomato al Liceo Classico di Reggio Calabria. Dopo la maturità, ovvero sia più di sei anni fa, mi sono trasferito a Siena, una città che ormai è più di una seconda casa. Qui ho conseguito una laurea triennale in Scienze Politiche e una magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche. Da sempre appassionato alla scrittura, il mio proposito è quello di raccontare ciò che mi accade intorno in modo obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui