Alice D’Ercole eletta segretaria regionale di Cgil Siena fa il punto della situazione in provincia di Siena

Alice D’Ercole è la prima donna alla guida del sindacato senese della Cgil. La nuova segretaria generale è stata eletta con oltre l’80% dei consensi e va a sostituire il dimissionario Fabio Seggiani.

Alice D’Ercole, all’interno della Cgil un’esperienza lunghissima…

“E’ vero, vengo da una esperienza lunga all’interno del sindacato. Da sempre il mio impegno primario, che poi è stata anche una passione, è per l’avanzamento dei diritti di chi è più debole e deve essere tutelato. Ho ricoperto molti ruoli e ormai ritengo di conoscere bene questa struttura”

Che impronta vorrà dare a Cgil Siena?

“Proseguire le battaglie e costruire mobilitazioni per la giustizia sociale è il nostro e il mio impegno. Battaglie in cui credo molto e di cui ritengo che in questo momento ci sia molto bisogno”

Che situazione vive Siena adesso?

“Siena sta vivendo un momento di grandi sfide che segneranno profondamente la strada per il futuro. La vertenza Whirpool è quella che al momento ci preoccupa maggiormente. C’è stata una acquisizione importante ma è ancora da capire se questa prevede anche un rilancio del sito senese. Fino ad oggi la crisi dell’azienda è pesata, e sta pesando ancora, sulle spalle dei lavoratori che stanno vivendo un periodo lunghissimo di cassa integrazione. Poi c’è la questione del Biotecnopolo, che è molto preoccupante. Noi avevamo lanciato l’idea della realizzazione di un distretto industriale. Se avessimo percorso quella strada credo che i risultati sarebbero stati meno incerti e che avrebbe avuto maggiore attrattiva. Non dimentichiamo neppure il percorso del Monte dei Paschi che abbiamo sempre seguito con grande attenzione”.

Queste grandi criticità quanto incidono sulla città?

“Più di quanto si pensi. Il lavoro vuol dire anche attrattività per la città e per l’università. Tutto deve essere visto ed analizzato in maniera complessiva, non a compartimenti stagni. E quello che rimarchiamo è che attualmente ci sono tanti, troppi ritardi”.

Oltre a Siena città c’è tutta una grande provincia…

“Con problematiche molto diverse. Abbiamo avuto la notizia positiva dell’ulteriore sviluppo del settore delle pelletterie sull’Amiata, ma non può restare solo legata ai grandi marchi. Abbiamo lanciato l’idea di realizzare un distretto della pelletteria, per creare sinergia e maggiore sicurezza. E per attrarre ulteriori investimenti”.

La Valdelsa?

“Il distretto della camperistica è attenzionato e ci sono molte cose che non vanno. Poi abbiamo la grande frattura che si è creata con la firma separata dell’accordo sindacale per il personale del Comune. L’accordo separato è di per sé un atto grave mai successo in provincia di Siena, perchè l’unità nel settore del pubblico impiego non era mai stata messa in discussione”.

Subito al lavoro?

“Immediatamente. Ma l’organizzazione Cgil è ben rodata e Fabio Seggiani ha fatto un grande lavoro in questi anni”.

Susanna Guarino
Lascio agli altri la convinzione di essere i migliori, per me tengo la certezza che nella vita si può sempre migliorare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui