Le condizioni del campione sono leggermente migliorate, ma la strada è ancora lunga. La famiglia: “Noi non perdiamo la speranza”

Era il pomeriggio del 19 giugno di un anno fa quando Alex Zanardi, ex pilota di Formula 1 e campione paralimpico, rimase coinvolto in un drammatico incidente stradale lungo la statale 146 nel comune di Pienza, sulla strada che porta a San Quirico d’Orcia, mentre a bordo della sua handbike partecipava alla staffetta “Obiettivo tricolore”, da lui promossa e organizzata.

Dopo il terribile impatto, il ricovero all’ospedale delle Scotte ed i primi interventi chirurgici è cominciato per Zanardi un lungo percorso di riabilitazione, che è ancora in corso. Il campione ha cambiato diversi ospedali e subito una decina di operazioni.

Attualmente è ricoverato nell’Unità gravi cerebrolesioni dell’ospedale di Vicenza dove prosegue il suo cammino di ritorno alla vita. Un cammino fatto di alti e bassi, di piccoli passi avanti e lievi miglioramenti, sempre accompagnato dalla speranza.

 Secondo i medici, dopo aver cambiato cinque ospedali, il celebre paziente di 54 anni ha fatto piccoli progressi, tanto che le sedute di riabilitazione adesso avvengono anche in poltrona, e non solo più disteso sul letto. Ma il cammino appare ancora lungo: i luminari della medicina che lo hanno visitato parlano di un uomo vigile ma con l’interazione ridotta al minimo..

Noi la speranza non l’abbiamo mai persa. La sua fibra è sempre la stessa, quella di uomo che non si è mai arreso di fronte a niente”, dichiarano la moglie Daniela Manni e il figliò Niccolò, che sono sempre accanto a lui.

Parallelamente agli aggiornamenti sullo stato di salute del campione, va avanti l’inchiesta giudiziaria per accertare la reale dinamica dell’incidente. La procura di Siena ha chiesto di archiviare la posizione dell’unico indagato per lesioni colpose, il conducente del camion contro cui andò a scontrarsi Zanardi. La famiglia dell’ex pilota si è invece opposta all’archiviazione e ha chiesto nuovi accertamenti tecnici sulla dinamica dello schianto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui