La rubrica settimanale di Alessandro Lorenzini

Di sogni e di chimere, recita uno stornello tutto senese che abbiamo sentito riecheggiare poco, troppo poco, quest’anno. A volte ho l’impressione che Siena non si renda ancora bene conto di quello che sta accadendo, ma forse è un problema del mondo. E della storia: chi la scrive (chi la vive), a volte, se ne rende conto solo dopo che lo ha fatto. Nel presente si pensa più che altro ad andare avanti, non tanto a cogitare su quello che racconteranno i volumi e gli annali.

Già vivevamo in tempi complessi. Già era difficile avere equilibrio di giudizio prima. Figuriamoci adesso, esasperati dai social, da mesi di chiusure e di restrizioni, da cambiamenti di quotidianità a cui non sempre è facile, soprattutto con il passare del tempo, abituarsi. Il bene primario, scontato e perfino banale dirlo, rimane la salute. Ci mancherebbe altro. Il problema è però che bisognerebbe sempre guardare a trecentosessanta gradi prima di sparacchiare giudizi sul comportamento di questo o di quello, alla ricerca di un capro espiatorio che abbia la colpa di un “destino crudele e baro”. Del resto, è successo per gli untori primaverili (i runners) ed estivi (gli aperitivanti), adesso accadrà per qualche giovane che cambia la propria abitudine del sabato, anticipando di qualche ora la “movida”: dalle cene si passerà ai pranzi, dalle nottate ai pomeriggio. Vediamo i dati reali, prima di giudicare. Io non ho ricordanza di focolai da corse podistiche in solitaria e neppure da aperitivi estivi.

Il problema non è puntare il dito o, almeno, in questo non si esaurisce. Il problema è trovare tutti assieme, la soluzione. Che fa rima con educazione. Nel senso più complesso del termine e non solo in quello contrapposto alla maleducazione, così come l’ignoranza nel suo significato più completo non è una parolaccia gettata al vento, ma mancanza di cultura. E, appunto, di educazione.

Non sto giustificando chi va in piazza dalle 16 alle 18 e si assembra senza mascherina. Sto guardando a un problema più ampio: che non può essere risolto solo con misure restrittive che si innescano sulla quasi assenza di socialità a scuola, sport e attività ludiche. Da mesi. A questo doveva essere trovata una soluzione, che non è stata trovata, quando il Covid aveva dato una tregua (in estate, per l’appunto) e c’era il tempo di farlo. Vale per tutto: scuola, lavoro, turismo, spostamenti. Si è semplicemente “imbavagliato” una situazione al momento e capisco che adesso sia estremamente semplice fotografare e puntare i fari, invece di ragionare e capire. Gli estremi rimedi ai mali altrettanto estremi sono sempre la via più semplice. Non sempre sono quella più giusta, nel tempo. Meditiamoci su. In sicurezza, s’intende.

Buona domenica.

eliofanali.wordpress.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui